LELLA


Essere Lella, Mariagabriella all’anagrafe, sul volto e nel cuore i colori e il calore del sud trapiantati in terra piacentina. Energica ed energetica, riunisce la classe e la raffinatezza di chi sa scegliere per sé e per gli altri il bello – soprattutto abbigliamento, biancheria e tessuti di arredamento – e la potenza propulsiva della pallavolista che è stata. Nel suo nome l’amore eterno dei suoi nonni Maria e Gabriele, un amore incondizionato e totale che trasferisce con generosità alle sue tre figlie, Mary, Benny e Ludo, la sua essenza, che vede crescere come donne libere ed emancipate. Ama lo sport, passione che condivide con il marito, ex calciatore, e i valori che racchiude. Ne ha praticato tanto, valorizzando quell’altezza che, sorridendo, dice “faceva scappare i ragazzi”. La sua anima teramana sgorga prorompente nella simpatia calda e coinvolgente che le rende facile intrecciare relazioni umane autentiche. Vorrebbe tornare nella sua terra di Abruzzo, ripercorrere ogni giorno quelle strade che l’hanno vista bambina; avere il tempo per fare del bene con semplicità, donando agli altri ciò che ha imparato nei giorni della paura; ascoltare in silenzio il mare, assecondando il suo essere sole e luna. Ricorda il padre che in dialetto le diceva “A jatta Margherita nu poco chiagne e nu poco ride”: ma il broncio le passa in pochi minuti perché la vita è meraviglia e dobbiamo brindare a ogni attimo.