Claudia


“Vivere come ridere”: un tatuaggio, un mantra, un modo di interpretare la vita

Essere Claudia, un caleidoscopio di colori ed entusiasmo. La sua casa è un porto per anime naviganti, amici da un giorno o da una vita. In un attimo può allestire una tavolata da venti, trasformare il salotto in una camera per gli ospiti, preparare e condividere un piatto con qualcosa di buono e genuino. Attenta all’alimentazione e alla forma, ama il fitness e il body building e si è attrezzata una palestra a domicilio, che considera il suo regno fatato. “Vivere come ridere”, che porta tatuato sul braccio, insieme al suo Gigi, migliore amico, compagno di vita e complice di sempre, e ai suoi cagnolini, è il suo mantra: è il suo modo di essere sé stessa, completa, esuberante, vibrante, libera. Il suo senso dell’accoglienza e dell’amicizia convivono anche nella sua professione di estetista oncologica, dove il buon umore è parte integrante della cura e delle attenzioni che dedica alle sue clienti. Un po’ Alice nel paese delle Meraviglie, il suo libro preferito, un po’ Sailor Moon, volteggia nella vita variopinta come una farfalla, cancellando con una risata e con una nuova nuance di meches i pensieri cupi e le malinconie del passato. Perché, come risponde il Bianconiglio ad Alice: “Per quanto è per sempre?”, “A volte solo un secondo”.